La recensione del Garmin Edge 1030, un ottimo compagno di viaggio e allenamento!

Testo e foto di Tiburzi Andrea

Garmin ha presentato da diversi mesi il nuovo GPS bike-computer Edge 1030, dotato di connettività smart e nuove funzioni che vanno ad arricchire l’esperienza dell’attività.
Le prime impressioni tirando fuori lo strumento dalla scatola, è di avere in mano un oggetto molto ben costruito e rifinito nei dettagli (appare come un piccolo smartphone non avendo tasti fisici sulla superficie superiore) e in effetti il suo schermo a colori da 3,5” touch di tipo capacitivo potrebbe trarvi in inganno.

  • Peso: 123g
  • Dimensioni: 59mm altezza x 114mm ampiezza x 15mm spessore
  • Memoria interna: 16GB – espandibile tramite slot microSD

L’ Edge 1030, si differenzia principalmente dal suo predecessore, l’Edge 100, per uno schermo più grande di 0,5”, un’autonomia portata a circa 20 ore di utilizzo e altre innovative caratteristiche di tipo smart.

Potendo scegliere tra itinerari su strada, su sterrato o gravel, a seconda di come e dove
vorrà pedalare, il ciclista potrà contare su indicazioni assolutamente affidabili, godendo
appieno della sua uscita in bicicletta, inoltre tramite la connettività con lo smartphone è
possibile visualizzare previsioni meteo per la località in cui si sta pedalando, notifiche
social e mail, nonché sms e avvisi di chiamata.

Funzione Popularity Routing

Prima fra tutte le novità nel nuovo dispositivo è la funzione Popularity Routing che fornisce indicazioni di itinerari tra i più praticati e sicuri basandosi sui miliardi di percorsi caricati sulla piattaforma web Garmin Connect.
La nuova funzione Course Creator di Edge 1030, sempre basata sui dati raccolti dagli utenti di Garmin Connect, permette di creare a piacimento nuovi itinerari a seconda di dove e come si vuole pedalare, con la garanzia di affrontare tratti, on e off-road, conosciuti e quindi assolutamente affidabili per lo sportivo.
Edge 1030 viene fornito con la Garmin Cycle Map precaricata, contenente punti di interesse, percorsi ciclabili e tante altre informazioni. Inoltre tramite l’alloggiamento posteriore è possibile inserire la microSD per caricare mappe aggiuntive, come la TrekMap di Garmin, nel nostro caso la v5 (venduta separatamente),

Avvisi pop-up

Molto utili sono gli Avvisi pop-up che appaiono sullo schermo, seguiti da un suono acustico, segnalando in modo chiaro l’avvicinarsi a pericolose curve a gomito presenti sul percorso, in questo modo individuabili a colpo d’occhio, il tutto, sempre per assicurare
un’esperienza in bici in tutta sicurezza.
Una menzione va anche alla funzione Rider to Rider con il quale è possibile inviare, ricevere e leggere, direttamente sul dispositivo, messaggi preimpostati ad altri amici che utilizzano Edge 1030, senza bisogno di usare il proprio telefono.

funzione Incident Detection

A rendere il dispositivo innovativo nell’ambito sicurezza, è la funzione Incident Detection
(“rilevazione degli incidenti”), ovvero un sistema di rilevamento automatico di un eventuale
incidente o avaria della propria bici.
Ma come funziona? In pratica, l’accelerometro integrato, qualora la bici rimanga ingiustificatamente sdraiata a terra dopo un impatto, riconosce la stato di allerta ed è in grado di inviare ai numeri di emergenza salvati un SMS contenente l’esatta posizione in cui si trova l’utente. (inserendo la lista dei numeri in fase di configurazione, viene inviato un messaggio al destinatario che avvisa l’avvenuta attivazione del servizio alerting di incidente).

Display

Il display è ben leggibile anche esposto alla luce del sole ed è utilizzabile anche in caso di
pioggia o indossando guanti. Durante il test è stato utilizzato sia a temperature sotto gli
0°C, che esposto a pioggia o fango, senza mai avere problemi di malfunzionamento o
blocchi improvvisi, ovvio che come tutti i dispositivi con batterie al litio, il freddo tende a far
diminuire l’autonomia.

I sensori di luce ambientale garantiscono la regolazione automatica della luminosità del
display rendendolo facilmente consultabile in qualsiasi condizione di luce esterna. Inoltre
per una migliore autonomia della batteria è possibile attivare la modalità di risparmio
energetico che disattiva lo schermo dopo qualche secondo di inutilizzo.

L’interfaccia visiva è stata aggiornata in modo tale da rendere ancor più facile il set up e anche l’associazione con l’app Garmin Connect Mobile (disponibile per iOS e Android), suggerendo passo passo come configurare l’ Edge 1030.

Il GPS, compatibile anche con il sistema satellitare russo GLONASS, che aumenta la ricezione del numero dei satelliti in condizioni di scarsa visibilità del cielo, ad esempio aree con edifici alti,valli strette, boschi fitti. L’altimetro integrato assicura una rilevazione estremamente precisa dei dati di velocità, distanza e altitudine percorse, durante il test l’attesa per l’aggancio del segnale è stato sempre intorno ai 5 secondi dall’accensione in aree aperte.

Edge 1030 è inoltre compatibile con la serie Radar Varia, il sistema di luci integrate per biciclette che segnala al ciclista le vetture in avvicinamento alle proprie spalle, importantissimo per la sicurezza o per chi viaggia di notte su strade poco illuminate. Il dispositivo supporta sensori di cadenza e frequenza cardiaca di Garmin che utilizzano protocollo ANT+®.

A chi serve?

Il prodotto di punta della casa statunitense di Kansas City è sicuramente destinato ad un utilizzo PRO, ma è anche pensato a chi cerca sicurezza e l’ultimo ritrovato in campo di innovazione per i propri viaggi e allenamento.

Insomma l’Edge 1030 è più di un semplice GPS cartografico, è un vero e proprio computer
che tramite smartphone è in grado di condividere in tempo reale i dati registrati con i tuoi
amici sui social, o semplicemente grazie alle sue innumerevoli funzioni, il tuo coach di
allenamento quotidiano.

Commenti tramite Facebook